INTERVIEW: Aaron Keylock "Cut Against The Grain"

  • by admin
  • 11 Months ago

AARON KEYLOCK
Cut Against The Grain

Testo di Francesco Sicheri

Foto di Austin Hargrave 

Pubblicazione: Guitar Club Marzo 2017

A soli 18 anni, fa il suo debutto discografico – Cut Against The Grain – per Mascot Label Group ed ora è inserito in un roster di chitarristi del calibro di Eric Johnson, Robert Cray, Warren Haynes, Joe Bonamassa, Kenny Wayne Shepherd… Che dire, un inizio davvero niente male per Aaron Keylock! Uno strambo ragazzo dell’Oxfordshire britannico, così si definisce lo stesso Keylock, innamorato del rock dei Settanta, del volume assordante e delle valvole più ruggenti; un musicista che, a 16 anni, è già in tour come opening act dei Blackberry Smoke e mette in subbuglio ogni palco che riesce a calcare.

Registrato a Los Angeles sotto la supervisione di Fabrizio Grossi (Alice Cooper, Dave Navarro, Slash, Ice-T, Zakk Wylde), il primo album di Aaron Keylock – titolato Cut Against The Grain ed uscito lo scorso mese – mescola il rock britannico dell’età dell’oro a certe influenze southern e, grazie a un’attitudine che è figlia diretta di quei tanto sognati anni Settanta, raccoglie all’istante i consensi euforici del pubblico e della stampa di mezzo mondo…

  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
Previous «
Next »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *